Calestano

Cenni Storici

Nominata per la prima volta in un documento dell’undicesimo secolo, la zona di Calestano fu abitata fin dall'epoca preistorica. Oggetto di importanti ritrovamenti archeologici, vede l'origine del suo Borgo presumibilmente all’epoca del Medioevo.
Il toponimo deriva da un fondo agricolo di un possidente romano di nome Callistus, da cui CALLISTANUS.  Dotato di fortificazioni, intorno alla metà del XII secolo, il feudo di Calestano fu sottoposto alla giurisdizione della potente famiglia genovese dei Fieschi, per passare successivamente ai Visconti e poi agli Este.


Dagli inizi del XV secolo si segnalano svariati passaggi di eserciti e un succedersi di dominazioni: fu dominio dei Rossi, dei Gonzaga, di Niccolò Piccinino e Niccolò Terzi e agli inizi del XVII secolo tornò ai Fieschi. Nel 1650 però Claudio e Leone Fieschi lo vendettero a Camillo Giacopino Tarasconi (discendente dei Tarascon francesi) per 33.000 scudi, quest’ultimi mantennero il titolo di conti di Calestano fino al 1805, anno in cui per decreto napoleonico, tutti i diritti feudali furono aboliti. Nel 1806 Calestano divenne sede di comune.
Le vicende successive hanno poi seguito quelle del Ducato di Parma.

OFFERTA ENOGASTRONOMICA: Un grande protagonista di questa zona è il tartufo, prelibato e gustoso fungo sotterraneo che trova qui il suo territorio ideale. Con il suo intenso profumo e inconfondibile sapore vede nel piccolo abitato di Fragno, area particolarmente boscosa e climaticamente idonea alla diffusione del prezioso tubero, il luogo perfetto per la loro crescita spontanea.

CURIOSITA’:

Al tartufo è dedicato un appuntamento annuale che ogni anno richiama migliaia di visitatori, curiosi ed estimatori, la Fiera Nazionale del Tartufo Nero di Fragno, dove oltre alla vendita delle tipicità gastronomiche sono previste diverse degustazioni. Accanto alla parte gastronomica si attiva anche quella sportiva, con la Tartufo Trail Running, una corsa tra i sentieri dei boschi, e la Tartufo Bike, una competizione ciclistica amatoriale.

Sito della Fiera:  http://www.tartufonerofragno.it/

FRAZIONI:Borsano, Canesano, Casa Nuova, Cascina, Castello, Chiastre, Fragno, Fragnolo, Iano, Linara, Marzolara, Montale, Pioppone, Ramiano, Ravarano, Ronzano, San Remigio, Torre, Vallerano, Vigolone

Calestano (distanza da Parma 30 km)

In auto
Da Milano o da Bologna
Percorrere l'autostrada del Sole A1 in direzione Parma, prendere lo svincolo per La Spezia e continuare sull'autostrada della Cisa A15, uscire al casello Fornovo di Taro, seguire la direzione Passo della Cisa, percorrere la SS 62, dopo Fornovo di Taro prendere la SP 48 per Terenzo, proseguire seguendo le indicazioni per Calestano (SP 39).

Da La Spezia
Prendere l'autostrada della Cisa A15 in direzione di Parma, uscire al casello di Berceto, proseguire sulla SP 114 in direzione di Berceto, superare Berceto e continuare sulla SP 15 fino a Calestano.


In treno
Il comune di Calestano non ha una propria stazione ferroviaria, la stazione di riferimento è quella di Parma (distante 32 km circa) servita dalla linea ferroviaria Milano - Bologna (linea principale).
Si prosegue per Calestano in autobus con la linea extraurbana "TEP" Parma-Calestano.


In autobus
Autolinee TEP S.p.A. (Tranvie Elettriche Parmensi): E' l'azienda che gestisce il trasporto pubblico urbano ed extraurbano a Parma e provincia. La sede è in Via Taro, 12 (Centralino Tel. 0521/2141; Telefax 0521/214444 - 0521/214333). Per informazioni sulle linee e gli orari visitare il sito web www.tep.pr.it

Uffici Informazioni

Comune di Calestano
Via Mazzini,16 - 43030 Calestano (PR)
https://www.comune.calestano.pr.it

Cosa visitare