Parco dei Boschi di Carrega

Il Parco Boschi di Carrega, fu il primo Parco Regionale in Emilia Romagna, istituito nel 1982. Il suo territorio, che si estende per 1270 ettari, è situato sui terrazzi fluviali quaternari tra il Taro e il Baganza, in provincia di Parma, viene gestito dal Consorzio costituito dai comuni di Collecchio, Parma, Sala Baganza, Felino, Fornovo Taro e dalla Provincia di Parma. Il suo paesaggio lievemente collinare è ideale per le escursioni.

Storicamente questi splendidi boschi hanno costituito una riserva di caccia. Nata già dall'epoca dei Farnese, questa tradizione venatoria è poi continuata coi Borbone e Maria Luigia, fino agli ultimi proprietari, i Principi Carrega. L'aspetto elegante e signorile del paesaggio ricorda l'architettura dei grandi parchi all'inglese.

La gradevole alternanza di boschi, prati stabili e seminativi, è arricchita dalla presenza di numerosi ruscelli, che alimentano piccoli specchi d'acqua. La copertura vegetale è costituita in buona parte da boschi misti di cerro e rovere, da boschi di roverella e da castagneti. Nel Parco si trovano anche altre formazioni forestali, tra cui spicca la storica Faggeta di Maria Amalia, il cui impianto risale al 1820. La flora del Parco è arricchita inoltre da numerose specie di fiori spontanei (anemone, campanellino, varie specie di orchidee') e di funghi, la cui cospicua presenza è indice del complessivo buono stato di salute del bosco.

Foto by: Parmawelcome

Informazioni